Monte Argentario

L’Argentario è un promontorio roccioso della Maremma Toscana, che si affaccia sulle acque cristalline della Costa Tirrenica.

Già abitato in epoca etrusca, il promontorio diviene un luogo di importanza strategia sotto l’Impero Romano, quando divenne una proprietà della famiglia dei Domizi Enobarbi, soprannominati anche “Gli Argentari”, da qui il nome di Monte Argentario.

Il periodo medievale vede l’avvicendarsi al potere degli Aldobrandeschi, degli Orsini, del Regno di Napoli, della Repubblica di Siena e degli spagnoli, che arrivarono sulle coste nel 1500, è proprio grazie agli spagnoli che sorgono le principali fortificazioni dell’Argentario, ancora oggi esistenti, Forte Stella, Forte Filippo, Fortezza Spagnola.

Sul promontorio sorgono due borghi di grande fascino, Porto Ercole e Porto Santo Stefano.

Nella parte sud-ovest del Monte Argentario troviamo Porto Santo Stefano, caratteristico borgo marinaro, tra le vie del centro storico si trovano alcuni interessanti monumenti :

  • la Chiesa di Santo Stefano, originariamente edificata nel XVIII secolo, subì gravi danneggiamenti durante la seconda guerra mondiale, venne ricostruita nel 1950
  • la Chiesa dell’Immacolata Concezione, risalente al 1979
  • Chiesa della Santissima Trinità, appena fuori l’abitato, in località Pozzarello
  • Fortezza Spagnola, edificata tra la fine del 1500 e l’inizio del 1600, sotto lo Stato dei Presidi
  • Torre di Lividonia e Torre del Calvello, entrambe spagnole, risalenti alla fine del 1500

Sul lato orientale dell’Argentario troviamo invece Porto Ercole, qui si potranno visitare :

  • Palazzo dei Governanti, in piazza Santa Barbara, risale alla prima metà del XVI secolo su progetto di Agostino Chigi, in seguito divenne la residenza dei governatori spagnoli
  • Chiesa di Sant’Erasmo, il cui nucleo originario risale al XIV secolo
  • Chiesa di San Rocco, fuori dal centro abitato, venne restaurata nel corso del 1700
  • Forte Stella e Forte Filippo, entrambi risalenti al XVI secolo, edificati in epoca spagnola